10.4 C
Lazio

Talete, Blasi: «La Regione ignora una legge approvata»

Silvia Blasi
Silvia Blasi

VITERBO – «In merito alla questione della società Talete mi stupisco della posizione del Presidente della Regione che ignora palesemente una legge approvata a  maggioranza nel consiglio da lui presieduto quando afferma che l’Ato 1 possa essere gestito da Acea, una società quotata in borsa. La politica deve accettare  la volontà popolare, espressa nel referendum del 2011 e recepita nella legge regionale 5/2014, riferimento per la gestione del servizio idrico nella quale è chiaramente specificato che la gestione deve essere svolta senza finalità lucrative e con l’obiettivo del pareggio di bilancio. Non è quindi accettabile alcuna deroga alla legge 5/2014, anzi auspichiamo presto la sua completa attuazione da parte della regione con la definizione degli ambiti di bacino idrografico. L’acqua è un bene comune la cui gestione pubblica deve garantire l’impossibilità di speculazioni e la tutela per le generazioni future. Il M5S non tollera deroghe ad una legge diretta espressione di un volere popolare, frutto di battaglie condivise e di una forte mobilitazione dal basso».

Silvia Blasi, consigliera del M5S Lazio

LEGGI ANCHE  M5S Lazio: "La Regione commissariata nella gestione dei rifiuti"
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie

LEGGI ANCHE  Rifiuti radioattivi, Blasi (M5S): "Scelta non prescinda dalla volontà delle comunità locali"