Terremoto di magnitudo 4.4 in Abruzzo

L’AQUILA – Una forte scossa di terremoto è avvenuta alle ore 18:35 di oggi in Abruzzo.

L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato una magnitudo di 4.4 con epicentro 5 km a sud-est di Balsorano, al confine tra Lazio e Abruzzo. La scossa è stata avvertita fino a Roma e Napoli. Il sisma ha avuto ipocentro a 14 km di profondità.

Al momento non si segnalano particolari danni a persone o cose. E’ una sequenza sismica diversa da quella dell’Italia centrale ad avere attivato il terremoto avvenuto al confine tra Abruzzo e Lazio. “Si tratta di un altro sistema di faglie”, ha detto all’Ansa il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). “Si tratta comunque – ha proseguito – di un’area ad alta pericolosità sismica”.

“La zona interessata dall’evento odierno – spiega in una nota l’Ingv – è caratterizzata da una sismicità frequente, sia a livello strumentale che dai dati storici. Nelle ore precedenti l’evento di M4.4 erano avvenuti circa 30 piccoli terremoti, tutti di magnitudo inferiore a 3. Nell’ora successiva al terremoto delle 18:35 sono state registrate circa 15 repliche di piccola magnitudo (la maggiore di M2.2).

La zona del terremoto odierno è caratterizzata da pericolosità molto alta, come testimoniato anche dai forti terremoti avvenuti in passato. L’evento sismico storico più prossimo all’area dell’evento odierno è quello del 1654, per il quale si è stimata una magnitudo pari a 6.4. A nord e a sud sono avvenuti in passato altri forti terremoti, come quello del 1915 nella zona della Marsica, e nel 1349 al confine tra Lazio e Molise”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.