2.2 C
Lazio

Tirrenica: Presentata l’istanza di prelievo al Tribunale del Consiglio di Stato

TARQUINIA – Riceviamo e pubblichiamo – Nonostante due giorni di presidio, nonostante ripetuti contatti via fax, telegrammi e telefonate, la SAT continua la strategia del silenzio, che pur essendo esso stesso una risposta parziale, denota una totale e assoluta mancanza di trasparenza. La SAT non riconosce i cittadini di Tarquinia come legittimi interlocutori e continua a non rispondere sulla vicenda del ponte sul Fiume Mignone e sulla viabilità alternativa all’autostrada e li costringe a rivolgersi al Tribunale del Consiglio di Stato per ottenere risposte.

Se l’informazione e la trasparenza degli atti dovrebbe essere sempre garantita, a maggior ragione lo dovrebbe nel caso di grandi opere come la Tirrenica, e invece dobbiamo constatare che in questi casi lo è meno che in altri. Non esiste nessuna figura istituzionale (guarda caso) che imponga ai concessionari quel livello di trasparenza tale da dare al cittadino la possibilità di conoscere ed essere informato, almeno su questioni semplici come i tempi di realizzazione di quelle opere primarie, la cui realizzazione o mancata realizzazione condizioneranno in positivo o in negativo la mobilità futura dei residenti.

Purtroppo solo i tribunali possono obbligare la SAT a rispondere ai cittadini, costretti ad accollarsi spese gravose solo per sperare di avere quelle informazioni che dovrebbero essere pubblicate e divulgate senza che si renda necessario farne richiesta. Informazioni che, lo ricordiamo, sono di vitale importanza e dalle quali dipendono le sorti delle aziende agricole e agrituristiche, dei residenti e degli utenti della SS Aurelia, completamente abbandonati prima e condannati poi ad un pericoloso reticolo di strade inadeguate, perlopiù vecchie strade poderali, che la SAT ha “nobilitato” nel progetto del Lotto 6A semplicemente ribattezzandole come viabilità esistente.

Queste le ragioni per le quali anche queste semplici domande, che però non possono essere rivolte alla SAT direttamente, vengono rivolte al tribunale e affidate al Giudice amministrativo che deciderà se tali documenti secretati al comune cittadino, debbano essere pubblicati.Sat_giro_di_peppe

Nessuno ancora oggi impone a SAT di compensare adeguatamente gli utenti per la sottrazione, ingiusta, della viabilità assicurata per 2000 anni dalla SS Aurelia. I cittadini sono già parte lesa, già subiscono e subiranno danni enormi, spettatori indesiderati della trasformazione del territorio, stravolto da un’infrastruttura che di fatto separerà la comunità e sfilaccerà il suo tessuto economico, costituito da tante aziende agricole e turistiche, fino al completo e devastante isolamento.

Intanto i lavori proseguono e minacciosamente si avvicina la chiusura dell’accesso della strada Melledra Farnesiana. I residenti verranno informati per tempo o ci sarà il solito blitz notturno? Si potrà contare su un sistema più trasparente come un’ordinanza che anticipatamente spieghi bene i modi e i tempi della chiusura, con cartelli stradali ben chiari su come cambierà la viabilità a migliaia di persone, ma soprattutto sui tempi di realizzazione del ponte e delle complanari?

I cittadini di Tarquinia e non solo della Farnesiana devono essere tutelati e qualcuno dovrà farlo, se non fosse per quel brandello di fiducia che rimane nelle istituzioni.

Comitato per il diritto alla mobilità di Tarquinia

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie