Una mostra sul mondo sommerso, storie di mare e di oggetti ritrovati. Dal 6 al 14 giugno a Orbetello

0

di Vittorio Gradoli

MONTALTO DI CASTRO – Dal 6 al 14 giugno si terrà a Orbetello una mostra dedicata a tutti gli appassionati di mare. Presso i locali del Frontone, in piazza della Repubblica, i visitatori (l’ingresso è gratuito) potranno osservare una rassegna di oggetti, reperti storici, filmati, ricostruzioni archeologiche e plastici riguardanti il mare. Ma anche antichi scafandri da palombaro, attrezzature subacquee d’epoca, oggetti restituiti dal mare, e preziosi oggetti di artigianato artistico, tra i quali la riproduzione in grande scala delle caravelle di Cristoforo Colombo. Il titolo della  mostra è infatti “Pianeta mare” ed è organizzata dall’associazione Motonautica di Orbetello nell’ambito delle attività finalizzate a diffondere la conoscenza e la cultura dell’ambiente marino promosse dall’associazione stessa.

La  rassegna sarà corredata da filmati di carattere subacqueo e da vari interventi programmati nei quali alcuni esperti terranno relazioni riguardanti la biologia marina, l’archeologia subacquea, la

La statua della Madonnina dello Speronello esposta nella mostra
La statua della Madonnina dello Speronello esposta nella mostra

sicurezza e la protezione dei fondali. Si aprirà con la Guardia Costiera di Porto Santo Stefano, che focalizzerà il suo intervento sulla sicurezza in mare; poi quello riguardante la tutela e la cura delle tartarughe marine e, a seguire, una esibizione dei cani da salvataggio condotta dai loro istruttori. Sarà poi la volta, alle ore 16 del 10 giugno, dell’associazione Assopaguro di Montalto di Castro che intratterrà i visitatori illustrando i reperti portati in mostra e proietterà i filmati realizzati nelle acque del mare montaltese.

Nella giornata di sabato, Paolo Fanciulli, che da sempre lotta contro la pesca abusiva, parlerà e illustrerà il suo progetto di museo sottomarino della Casa dei pesci. In esposizione, voluta dagli organizzatori per la sua singolare storia, anche la statua della Madonna dello Speronello di Montalto di Castro. La statua, il 12 novembre 2012 fu trascinata via dalla furia delle acque del fiume Fiora, assieme a molte barche, e dispersa in mare. Tre mesi dopo fu ritrovata miracolosamente a Porto Cervo in Sardegna e da lì poi riportata con tutti gli onori a Montalto Marina. Una storia singolare, degna di essere conosciuta anche al di fuori dell’ambito montaltese.