16.9 C
Lazio

HOME

Covid: scontri a Napoli contro le restrizioni

NAPOLI - Guerriglia urbana davanti al palazzo della Regione, dove i manifestanti hanno pesantemente protestato lanciando bombe carta e fumogeni contro le...

Covid: altri 69 casi nella Tuscia, tre pazienti deceduti

Venti nuovi pazienti negativizzati. In totale salgono a 609 i guariti nella provincia di Viterbo

Università Agraria, “Nuove recinzioni per la difesa dei boschi”

TARQUINIA – “In corso di realizzazione nuove recinzioni a difesa delle zone boschive. Gli steccati sono costituiti da barriere classiche in legno e filo spinato con varchi di accesso”. Lo comunica l’assessore al patrimonio dell’Università Agraria Alberto Blasi. “Un impegno che risponde a due esigenze: la difesa del patrimonio dell’Università Agraria e le modalità di allevamento allo stato brado. Le sezioni boschive, passato il periodo necessario post taglio, sono infatti assegnate in fida pascolo agli allevatori locali e usate per gli esemplari di razza maremmana (in purezza) gestito dall’Ente”.

Nell’ultimo anno sono stati realizzati oltre 6.5 km di recinzioni nelle sezioni denominate “Araccia”e “Caprarecce” ed eseguite manutenzioni su altri 20 km di stecconate, su un totale di 100 Km, pari alla distanza che c’è tra Tarquinia e Roma.

L'assessore Alberto Blasi
L’assessore Alberto Blasi

“Per mantenere in buono stato un simile fondamentale presidio, è decisivo l’utilizzo di personale dell’ente specializzato, che ciclicamente si occupa di quest’attività. Un risparmio economico di circa l’80% rispetto all’affidamento a una ditta privata. – sottolinea l’assessore – Una programmazione che va avanti da anni e ha permesso di risolvere problemi strutturali legati alle difficoltà logistiche e alla carenza di risorse. Il tutto nonostante il continuo verificarsi di atti vandalici con taglio del filo spinato e abbattimento del legname usato, spesso per attività illecite. Questa è un’implicita risposta a chi parla di mancanza di progettazione e programmazione, nonché a chi guarda all’uso del personale interno come costo non produttivo. Teorema smentito dai numeri. Ridurre i costi è un vantaggio per l’ente. In questo caso la scelta migliore per tutelare il nostro patrimonio boschivo”.

 

- Advertisement -

Altre notizie

In macchina con un piede di porco, denunciato

SCANSANO - I carabinieri della stazione di Scansano nei giorni scorsi hanno denunciato in stato di libertà un 29enne originario del Marocco,...

Mercatino dell’antico, domenica in Piazza dei Caduti e in via Ascenzi

VITERBO - Domenica 18 ottobre, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo...

Tromba d’aria sul litorale

Il maltempo flagella il litorale laziale. Questa notte i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi sono stati impegnati, a causa delle forti...

Fugge dopo un sinistro, rintracciata e denunciata dai carabinieri

CASTEL DEL PIANO - I carabinieri di Castel del Piano hanno denunciato alla Procura di Grosseto una donna originaria degli Stati Uniti...

I Templari Castell’Araldo e il fiume Marta, il 16 ottobre un convegno a tema

MARTA - Nella sala consigliare del Comune di Marta, generosamente offerta dall’amministrazione comunale, venerdì 16 ottobre dalle ore 15.30 si terrà il...

Screening all’istituto Alberghiero di Viterbo

VITERBO - È iniziato ieri mattina lo screening, promosso da Regione Lazio e gestito dall'equipe medica della ASL di Viterbo, presso il...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.