1.4 C
Lazio

Vigili del fuoco, il sindaco Mazzola: «Scenderò in piazza per difendere il presidio di Tarquinia»

TARQUINIA – E’ un braciere che arde dal 1 gennaio di quest’anno ma che nessuno al momento ha intenzione di spegnere. Il servizio sospeso dei Vigili del fuoco a Tarquinia è ancora al centro dell’attenzione dai sindacati a seguito dell’incendio avvenuto giovedì 19 febbraio in una palazzina a Tarquinia. Il sindaco Mauro Mazzola annuncia di manifestare pur di rivedere presidiare il territorio dai vigili del fuoco, che l’altra notte hanno impiegato circa 40 minuti per giungere sul luogo dell’incendio. Al momento nessuna proposta si vede all’orizzonte che possa permettere di riattivare il servizio sul litorale. Emiliano Salcini del coordinamento Usb VVF Lazio denuncia di nuovo che «ogni intervento di soccorso in quella zona diventa potenzialmente una emergenza. La notte dell’incendio, il comando dei vigili del fuoco di Viterbo, mentre inviava un’autobotte, ha allertato una squadra da Civitavecchia che ha impiegato circa 40 minuti per arrivare a Tarquinia. Un tempo record considerate le distanze, anche perché in quel momento la squadra si trovava in un altro intervento di soccorso».

Il sindaco Mauro Mazzola
Il sindaco Mauro Mazzola

Il sindaco Mazzola sbatte i pugni sul tavolo: «Sono disposto a mettermi la fascia – ha detto – e bloccare l’Aurelia per difendere il presidio di Tarquinia. Scenderò  in piazza a manifestare con i vigili del fuoco per riavere un servizio fondamentale come questo. Mi aspetto che i sindacati facciano lo stesso. Il comune è sempre venuto incontro ai vigili del fuoco prendendosi anche in carico le spese d’affitto dei locali».

LEGGI ANCHE  Autovelox Litoranea, il Codacons: "In tre mesi solo 84 auto hanno superato il limite di velocità"
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre notizie

LEGGI ANCHE  Covid: 63 casi accertati oggi nella Tuscia