Vitorchiano sempre più smart city

In arrivo un'app per turisti, commercianti e cittadini in collaborazione con Hendo e Lazio Innova

VITORCHIANO – Il Comune della Tuscia sarà il primo a sperimentare la tecnologia di prossimità con i beacon in collaborazione con la startup Hendo e Lazio Innova, società in house della Regione Lazio.

Presso lo Spazio Attivo di Viterbo si è svolto un incontro incentrato su come piccole e grandi realtà possono comunicare prodotti e servizi negli spazi fisici. In particolare, ci si è soffermati sulla questione di come le nuove tecnologie siano in grado di far sviluppare e trovare soluzioni digitali accessibili, sostenibili e di supportare il turismo, il commercio e la cittadinanza smart.

Il Comune di Vitorchiano sarà quindi sede della sperimentazione dei beacon della startup Hendo, attraverso un app rivolta a turisti, commercianti e cittadini.

Scaricandola, i turisti saranno istantaneamente informati su luoghi e attrazioni attraverso la tecnologia di prossimità, ricevendo informazioni e materiale multimediale sugli eventi in programma e sui servizi utili in base alle proprie esigenze; le attività commerciali potranno invece inviare offerte e pubblicizzare i propri prodotti agli utenti; infine, la cittadinanza usufruirà di immediate informazioni da parte di tutti gli attori territoriali (Comune, associazioni, eventi, imprese).

“L’amministrazione guidata dal sindaco Ruggero Grassotti – commenta il consigliere comunale delegato al turismo Alessandro Vagnoni – dimostra ancora una volta grande sensibilità verso l’innovazione, considerando il ruolo sempre maggiore che rivestono le nuove tecnologie e le innumerevoli possibilità che offrono mettendo in connessione il territorio, i cittadini e i visitatori.

L’app con tecnologia Beacon nasce come strumento in grado di offrire molteplici servizi e soluzioni, ma soprattutto di mettere in rete tutto il potenziale della Tuscia. Durante la manifestazione ‘Peperino in fiore’, che si terrà dal 31 maggio al 2 giugno a Vitorchiano, sarà presente presso il gazebo comunale Maurizio Raso, ideatore della startup Hendo, che sarà a disposizione di tutti coloro che vogliano chiedere informazioni”.

I beacon sono piccoli dispositivi che funzionano con tecnologia BLE (Bluetooth Low Energy) e sono tra gli hardware più usati per fare Proximity Marketing, ossia per comunicare con gli utenti attraverso lo smartphone, quando si trovano in prossimità di un luogo o di un punto strategico, e in una specifica circostanza.

Tuttavia, i beacon da soli non funzionano: hanno sempre bisogno di un’app, attraverso cui, nel rispetto dei termini delle norme di privacy vigenti, veicolano i contenuti in maniera profilata e geolocalizzata, utilizzando la posizione dell’utente quando ha lo smartphone in tasca. Si stima infatti che entro il 2021 il numero di sensori di prossimità impiegati a livello globale raggiungerà i 500 milioni, trovando applicazione in diversi settori.

Seppur utilizzati soprattutto nell’ambito retail, i beacon si adattano anche a contesti come eventi, musei e spazi espositivi, ma anche città e territori dove, sfruttando la posizione geografica dell’utente, diventa possibile connettere persone, luoghi, prodotti e servizi in ottica smart, veicolando una comunicazione mirata in grado di rendere le esperienze più dinamiche.

Fornire l’informazione giusta, al posto giusto e nel momento più opportuno semplifica di fatto la comunicazione, quindi l’accesso ai servizi, così come la promozione degli stessi da parte dei business. In questo modo, combinando i dati personali dell’utente, i loro comportamenti e la loro posizione geografica, è possibile pianificare campagne di marketing e comunicazione più efficaci, instaurando una nuova relazione di fiducia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.