Vitorchiano, tutti i vincitori e premiati della rassegna teatrale Fidelitas

Si è conclusa la tredicesima edizione dell'evento promosso dalla compagnia In...Stabile

VITORCHIANO – Si è conclusa a Vitorchiano la tredicesima edizione della rassegna teatrale Fidelitas – Premio Sandro e Marco. A causa del maltempo, la serata finale di gala e premiazione delle compagnie in concorso si è tenuta su un palcoscenico ridotto ma non per questo con meno entusiasmo e partecipazione.

Ha vinto il premio per il miglior spettacolo e quello speciale della giuria la compagnia S.P.Q.M. di Roma, con “Ascendente Cancro” di Carlo Selmi. Uno spettacolo decisamente accattivante e coinvolgente, che intreccia leggerezza e drammaticità, interpretato con bravura e ritmo incalzante. La giuria lo ha ritenuto un testo originale e attuale che, tra passato e presente e con spunti onirici, ha riportato alla nostra coscienza i fantasmi, i dubbi, gli sbagli, gli ideali degli anni di piombo.

I Commediari di Bomarzo si sono aggiudicati il premio del pubblico con “Dante… all’inferno” di Giovanni Proietti, mentre il miglior allestimento scenografico è risultato quello della compagnia Arte Povera di Anzio, per lo spettacolo “Nu bambeniello e tre San Giuseppe” di Nino Masiello, un allestimento essenziale ma curato nei particolari, che riesce a rendere efficacemente l’ambiente di campagna teatro della vicenda.

Il Premio Luciano Sassara è andato alla Compagnia Teatro Popolare di Tarquinia, che ha portato in scena “La pazzia… conseguenza dell’equivoco” di Annibale Izzo, in cui l’attenta regia è riuscita a realizzare uno spettacolo divertente, nel quale sono emerse alcune caratterizzazioni e sono stati rispettati i tempi della commedia brillante.

Arnaldo Perugi della compagnia I Dialettanti di Vetralla, anche autore e regista di “Nun semo sole”, è stato giudicato miglior attore, che ha interpretato il ruolo in modo convincente, portando avanti il lavoro teatrale con padronanza dei mezzi espressivi mimico gestuali. La miglior attrice è stata Mirella Mazzei della compagnia La Quarta Quinta di Roma, protagonista di “Morso di luna nuova” di Erri De Luca, che è riuscita a a tratteggiare con disinvoltura e naturalezza il suo personaggio di donna e madre partenopea, con la caratteristica empatia del sud.

“Ringraziamo la compagnia In…stabile di Vitorchiano – ha dichiarato l’assessore alla cultura Gian Paolo Arieti – per l’organizzazione di questa rassegna teatrale estiva che che rappresenta un’occasione importante per la comunità locale, e il folto pubblico che ogni sera si è recato a teatro facendosi coinvolgere dalle tante storie raccontate dagli attori sul palcoscenico”.

“La rassegna Fidelitas – ha concluso il sindaco Ruggero Grassotti – è da tredici anni un punto fermo della programmazione culturale estiva di Vitorchiano nonché dell’attività teatrale amatoriale della Tuscia. Il premio, intitolato a Sandro e Marco, vuole essere un’occasione per ricordare ancora una volta questi due nostri valenti concittadini. Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile la buona riuscita dell’evento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.