Zingaretti inaugurerà il bio orto frutteto e l’orto dei semplici di Tuscia Events

0

MONTEFIASCONE – E’ tutto pronto per l’inaugurazione del bio orto frutteto e dell’orto dei semplici realizzati da Tuscia Events Associazione Culturale sul terreno di pertinenza di una Casa Cantoniera a Montefiascone che la Regione Lazio ha affidato all’associazione.

Il progetto del bio orto frutteto sinergico coltivato con la tecnica della biodinamica, ha entusiasmato il Presidente della Regione Lazio che il 14 febbraio alle ore 16,30 si recherà nella Tuscia per la cerimonia di inaugurazione.

Numerose saranno le personalità presenti alla cerimonia che prevede anche la posa di una targa ricordo.

Il progetto del Bio orto frutteto è nato da un’idea del Presidente di Tuscia Events, per dare vita a qualcosa che non ancora non esiste nella Tuscia ma che possa essere utile a tutti i cittadini e soprattutto ai giovani studenti.

Lo scopo del bio orto frutteto è quello di preservare le specie botaniche della Tuscia e delle zone limitrofe, recuperando le piante delle quali si sta perdendo la memoria, ma che coltivate nel nostro bio orto frutteto daranno frutti dei quali abbiamo perso il sapore.
Accanto al Bio Orto frutteto , è stato realizzato un giardino dei semplici esattamente come quello che si trovava all’interno dei conventi, che diventerà il luogo adatto per imparare ad usare le erbe medicinali nella giusta maniera.

Tuscia Events vuole investire nel territorio nella quale i suoi soci vivono, ponendo al centro l’uomo, le sue relazioni umane e il suo rapporto con la natura.
Il bio orto frutteto e il giardino dei semplici diventeranno il punto di incontro di un community garden, cioè di un gruppo di soci che una volta alla settimana si incontreranno per zappare, annaffiare, piantare, ma soprattutto per stare insieme e socializzare.

Attraverso il lavoro di orticoltura ed utilizzando la tecnica della coltivazione sinergica o bio dinamica, in uno spazio naturale, dove si possono tessere delle relazioni sociali e umane, molte persone che non hanno un lavoro, che sono emarginate dal tessuto sociale perché con vite difficili, o sono rimaste sole come gli anziani, possono recuperare dignità e fiducia in loro stesse e negli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here